Il 19 di dicembre ho partecipato a Roma, presso la sede dell’ENEA, al seminario organizzato dalla Commissione Ricerca e Reattori Innovativi dell’Area Nucleare sul tema delle LENR, reazioni nucleari a bassa energia (Low Energy Nuclear Reactions).

Si è trattato di un incontro tecnico che ha visto un notevole successo di pubblico e la presenza di alcuni ricercatori attivi in questo campo che, come dimostra l’E-CAT di Andrea Rossi, potrebbe avere sviluppi interessantissimi dal punto di vista industriale contribuendo all’avvento di una vera e propria “rivoluzione energetica”.

La relazione principale è stata presentata dall’Ing. Vittorio Violante, che ha spiegato mostrando grafici e diagrammi come dal suo punto di vista le LENR siano una realtà, riferendosi però alle reazioni Deuterio – Palladio. Ad una precisa domanda rivolta da una persona del pubblico se lui conoscesse il lavoro di Andrea Rossi l’Ing. Violante ha risposto – a mio avviso in modo sorprendente – di non saperne nulla.

All’evento, trasmesso in diretta straming, ha partecipato come ospite l’Onorevole e ingegnere ambientale Davide Crippa (accanto a me nella foto qui a destra), del gruppo Parlamentare dei Cinque Stelle, a dimostrazione di come lui ed il Movimento di cui fa parte siano molto attenti alle problematiche che hanno come tema lo sviluppo di tecnologie energetiche sostenibili.

Durante la pausa (che ha preceduto l’intevento del Prof. Alberto Carpinteri) ho avuto con lui uno scambio di opinioni e apprezzato il “sano scetticismo” di chi si avvicina a settori di ricerca che non hanno ancora avuto l’avvallo della comunità scientifica mainstream.

Purtroppo c’è invece chi, per spirito di bastian contrario o peggio per interessi personali, continua ancora oggi nonostante gli eventi accaduti a ritenere le LENR junk science e Andrea Rossi poco credibile, come testimoniano certe dichiarazioni che è possibile reperire sul web.

Trovo comunque significativo il fatto che un ente di ricerca con un glorioso passato come l’ENEA abbia messo a disposizione i locali della sua sede centrale dove si organizzano congressi, convegni e workshop a carattere nazionale e internazionale.

Una slide della presentazione dell’Ing. Alberto Taglioni (Presidente Commissione Ingegneria Nucleare dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma).

Forse qualcosa si sta veramente muovendo anche in Italia e magari, anche se al grande pubblico non è ancora giunta quasi nessuna informazione, agli organi Istituzionali cominciano ad affluire “segnali” da prendere seriamente in considerazione.

Se vuoi condividerlo...Share on Google+Tweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

sigma5Mentre negli Stati Uniti prosegue la causa promossa da Andrea Rossi (Leonardo Corporation) contro Industrial Heat – accusata di inadempienza contrattuale per non aver versato la somma di 89 milioni di euro al termine del test di 1 anno dell’E-Cat – e lo sviluppo del nuovo reattore “Quark X” viaggia verso “5 Sigma”, in Italia continua a crescere l’interesse per le LENR, le reazioni nucleari a bassa energia capaci di generare, nel caso del reattore di Rossi, energia termica in modo pulito e privo di radiazioni nocive.

Non a caso, lunedì 19 dicembre la Commissione Ricerca e Reattori Innovativi dell’Area Nucleare, istituita presso l’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma, in collaborazione con l’ENEA (già Ente Nazionale per le Energie Alternative), propone ai propri iscritti un seminario informativo gratuito sul tema delle Reazioni Nucleari a Bassa Energia, nell’ambito del ciclo di conferenze a carattere tecnimage28ico-scientifico e culturale “Historia Magistra Vitae”. Vedi qui.

Mi auguro che durante questo convegno si parli anche del ruolo fondamentale giocato da Andrea Rossi in questo settore, dato che proprio l’invenzione del suo reattore con potenziali applicazioni commerciali ha riacceso di nuovo, negli ultimi anni, l’interesse mediatico per un filone di ricerca che, dopo il famoso annuncio del 1989 di fusione fredda da parte di Fleischmann e Pons, la comunità scientifica ha deliberatamente denigrato ed emarginato.

Trovo inoltre veramente interessante che il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) – importante società quotata in Borsa e controllata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze in quanto eroga gli incentivi statali per le energie rinnovabili – abbia pubblicato sul numero di Agosto-Novembre 2016 della sua rivista “Elementi” un articolo intitolato “La fusione Fredda. Da fantascienza a Realtà?”, nel quale Andrea Rossi fornisce in un’intervista interessanti informazioni sull’E-Cat: ad es. il COP massimo, gli ingredienti usati ed i prodotti delle reazioni. Lo trovi qui (pagg. 68-70).

image29

A. Rossi intervistato dal magazine del GSE, società controllata dal Ministero dell’Economia.

Se vuoi condividerlo...Share on Google+Tweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

Ho deciso di pubblicare un interessante documento del quale sono venuta in possesso un po’ di tempo fa, e commissionato dal management di un’importante S.p.A. italiana molto attiva nel campo delle energie rinnovabili, che – sebbene “vecchio” di due anni e quindi non aggiornato con gli ultimi e ancor più promettenti sviluppi – attesta il crescente interesse per le LENR da parte di chi vede in questo nuovo modo di produrre energia una grande opportunità di business.

Significativi a tale riguardo sono la pcover_docrima pagina ed il titolo del documento, di cui potete vedere di seguito ed in dettaglio l’indice e alcuni stralci significativi.

Quindi, mentre ancora qualcuno continua a ritenere Andrea Rossi un visionario – o, peggio, un abile truffatore – c’è chi comunque, spesso dietro le quinte, lavora alacremente e senza troppa “pubblicità” per cercare di replicare l’E-Cat ed i risultati raggiunti dall’inventore italiano.

Credo, come ho già affermato nel post precedente, che nei prossimi mesi (anche in ragione degli sviluppi della causa in corso negli USA fra la Leonardo Corporation ed Industrial Heat), assisteremo ad ulteriori interessanti novità. Ed anch’io ho in serbo una sorpresa della quale, se tutto procederà per il verso giusto, vi metterò presto al corrente.

Per concludere questo mio post, il primo dopo la pausa estiva, colgo l’occasione per salutare tutti i gentili lettori del mio blog. Restate sintonizzati!

pag_2

pag_3

pag_5

Se vuoi condividerlo...Share on Google+Tweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

Mentre qui in Italia il Governo “latita” sull’argomento LENR e sulla tecnologia alla base dell’E-Cat, negli Stati Uniti il Congresso sembra prendere molto seriamente in considerazione le LENR, come potete verificare da quanto scritto su questo documento di alto livello:

s879

 

s756

Visto l’interesse crescente per questa tecnologia potenzialmente rivoluzionaria mostrato anche da importanti gruppi industriali italiani (come si evince da un documento di cui sono recentemente venuta in possesso), è probabile che ne vedremo delle belle nei prossimi mesi e anni.

Nel frattempo vi saluto in vista della pausa estiva… Ad maiora!

Se vuoi condividerlo...Share on Google+Tweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

FOTO-TORRE-DI-PISA-ritIn psicologia si definisce pregiudizio un’opinione preconcetta concepita non per conoscenza precisa e diretta del fatto o della persona, ma sulla base di voci e opinioni comuni.

Il significato di pregiudizio è cambiato nel tempo: si è passati dal significato di giudizio precedente a quello di giudizio prematuro e infine di giudizio immotivato, di idea positiva o negativa degli altri senza una ragione sufficiente (il pregiudizio è in tal senso generalmente negativo).

Un pensiero diventa pregiudizio solo quando resta irreversibile anche alla luce di nuove conoscenze.

È possibile eliminare i pregiudizi?

Favorire contatti tra gruppi con idee differenti, migliorare la conoscenza delle persone che per qualche motivo vengono percepite come “diverse” può servire a ridurre i pregiudizi, ma naturalmente occorre che ognuno di noi sia effettivamente disposto a rivedere le proprie convinzioni.

Questo è uno dei motivi che mi hanno spinto a scrivere questa mia prima opera letteraria.

Cari lettori ho il piacere di annunciare la pubblicazione della versione estesadel mio libro “E-Cat Il Nuovo Fuoco La Biografia di Andrea Rossi” che troverete in vendita su Amazon sia in formato digitale che in cartaceo per adesso in lingua italiana ma a breve anche in inglese.

Libro_Ita

Questa edizione è stata aggiornata nei contenuti e presenta alcuni documenti inediti che spero faranno più chiarezza sulla figura di questo inventore italiano che, come purtroppo molte volte è successo nella storia del nostro Paese, ha dovuto emigrare all’estero per realizzare il suo sogno.

Chi ad esempio lo ha considerato con disprezzo un truffatore credo dovrà ricredersi a meno che non si vogliano mettere in dubbio le parole scritte sul suo conto e sulla sua invenzione dal Procuratore della Repubblica Italiana nel documento il cui contenuto troverete (naturalmente con omessi i dati sensibili nel rispetto della legge sulla privacy) fra le pagine del mio libro.

Inoltre ad Andrea Rossi va indubbiamente riconosciuto il merito di aver portato nuovamente all’attenzione mediatica e scientifica un settore di ricerca, la cosiddetta “Fusione Fredda”, ormai screditato e da tempo caduto nell’oblio ma soprattutto di aver realizzato per primo al mondo un impianto da 1MW per la produzione di calore di processo – funzionante grazie ad un principio fisico la cui teoria è in fase di studio, l’Effetto Rossi – affidabile e pronto per il mercato: l’E-Cat……. un Nuovo Fuoco per l’Umanità.

Se vuoi condividerlo...Share on Google+Tweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone

COPERTINA

Da qui puoi scaricare la copertina del libro per gli usi che credi:

Prima di copertina

Copertina_prima_Ita

Copertina completa

Copertina_completa_Ita

 

SINOSSI

Questa è una storia incredibile che capita forse una volta ogni cento anni. È il racconto della vita decisamente avventurosa e ricca di colpi di scena di Andrea Rossi, un inventore italiano che ha fatto nel giro di vent’anni due scoperte scientifiche probabilmente degne ciascuna di un premio Nobel, ma che ha dovuto lottare con le unghie per difendersi dalle lobbies di cui andava di volta in volta a danneggiare gli interessi, spesso pagando un carissimo prezzo. La trama sembra uscita da una spy-story, ma si tratta della realtà, del racconto delle peripezie poco note al grande pubblico affrontate da un uomo di grandissima tenacia e con una passione fuori dal comune per una ricerca sperimentale e creativa di stampo ottocentesco, che oggi si è completamente persa negli asettici mega-esperimenti da milioni di euro della big science. Insomma, è una vicenda affascinante che pare uscita da una macchina del tempo, ma che ciononostante è quanto di più contemporaneo si possa immaginare: la tecnologia derivata dalla seconda importante scoperta di Rossi, e sfociata nella realizzazione dell’E-Cat o Energy Catalyzer – una sorta di “Nuovo Fuoco” che fornisce energia pulita a costi irrisori – potrebbe infatti letteralmente rivoluzionare, nel giro di 10 o 20 anni, il mondo dell’energia e anche la nostra vita di tutti i giorni non meno di quanto abbia fatto, negli anni Sessanta, l’invenzione della plastica, dovuta peraltro anch’essa a un italiano, il Nobel per la Chimica Giulio Natta.

 

NOTA BIOGRAFICA

Vessela Nikolova è nata a Sofia, dove vive fino all’età di 19 anni completando nel suo paese di origine studi in Lingua e Letteratura Straniera. Si trasferisce successivamente in Italia e qui consegue la Laurea Magistrale in Psicologia. Una volta ottenuta questa, intraprende gli studi in Psicoterapia ad indirizzo Psicodinamico – Psicoanalitico. Attualmente lavora come libero professionista occupandosi della valutazione e diagnosi di disturbi psichici e mentali e del supporto psicologico nel disagio individuale o relazionale. Collabora inoltre con associazioni di volontariato in ambito sociale. Trai suoi hobby le arti figurative, la musica ed il cinema. È un’ecologista convinta e si è sempre interessata di problematiche inerenti l’ambiente e l’energia. Proprio per questa sua passione e dopo una serie di circostanze non casuali, conosce Andrea Rossi e, colpita dalla sua tormentata storia personale, decide di scrivere un libro su di lui.

 

RECENSIONI

Ecco alcune recensioni del libro che sei libero di utilizzare:

 

Brian_Josephson,_March_2004

Un affascinante resoconto della carriera del controverso

inventore Andrea Rossi

(Brian Josephson, Premio Nobel per la Fisica nel 1973)

 

teodMe lo sono letto tutto d’un fiato, ed è veramente avvincente e molto ben scritto, nonché minuziosamente documentato, anche nei dettagli tecnici. Parla della tormentata ma coraggiosa e tenace vita dell’inventore Andrea Rossi e di tutti i suoi esperimenti per costruire una macchina – lo “E-Cat” – in grado di produrre qualcosa che appare essere una fusione nucleare a debole energia. Questo inventore è stato abbastanza boicottato dalle TV nazionali, gratuitamente denigrato dai detrattori ad oltranza ed esaltato come un nuovo profeta dagli squilibrati della new age e del complottiamo. Mosso da un ideale molto simile a quello che aveva Nikola Tesla un secolo prima, tutta la vita professionale di Andrea Rossi come industriale, ingegnere e ricercatore è stata improntata alla ricerca di energia pulita per l’umanità, partendo da un sistema per trasformare rifiuti in petrolio per poi arrivare a costruire una macchina (in versioni di volta in volta migliorate) in grado di, con la collaborazione del fisico nucleare Sergio Focardi, produrre energia tramite il processo della fusione nucleare fredda, dove l’energia in uscita arriva a diventare fino a 10 volte maggiore di quella in entrata per far partire il processo. Ovviamente, come quasi tutti sanno, la fusione fredda è un meccanismo altamente controverso per le seguenti ragioni: 1) non esiste ancora un modello di fisica teorica che spieghi quello che realmente avviene, 2) il processo non è facilmente riproducibile da altri sperimentatori, 3) molti aspetti dello E-Cat sono coperti dal segreto industriale, cosa che da un lato non consente ai peer reviewer di esaminare con attenzione quanto effettivamente accade e dall’altro scatena scetticismo gratuito in coloro che considerano l’esperimento una frode. Il libro di questa acuta e colta scrittrice, la psicologa Vessela Nikolova, oltre che massimamente e asetticamente documentato, è anche completo ed equilibrato, cosa che si addice all’approccio scientifico e distaccato dei problemi quando si esaminano aspetti strani ma innovativi della scienza, in pieno contrasto con certi fanatismi complottari quando si tratta di discutere temi come la fusione fredda o la “free energy”. Anzi è il primo libro che mi capita di leggere interamente dedicato a queste controverse ricerche che abbia un notevole cipiglio razionale e una buona dose di obiettività, sincerità, equilibrio e una metodica storiografica molto meticolosa nel seguire Andrea Rossi nell’arco di tutte le vicende della sua vita e della sua coraggiosa ricerca. Ne emerge una figura rivoluzionaria che nel futuro a breve-medio termine potrebbe cambiare le sorti energetiche del mondo. Un libro da leggere“.

(Prof. Massimo Teodorani, fisico e science writer)

 

neri

Cara dottoressa,
complimenti! Avendo letto la sua precedente versione e-book, confesso che ho cominciato immediatamente a leggere da “Ecco a voi l’E-Cat!”, troppo curioso di apprendere le novità sulla vertenza con Industrial Heat. Incredibile che “il gatto e la volpe”, pur avendo la gallina dalle uova d’oro, per avidità l’abbiano lasciata scappare. Avrebbero potuto legare il loro nome ed un evento storico sensazionale e invece, se verranno ricordati, lo saranno per i loro loschi affari! Difficile trovare un concentrato di idiozia simile. Ovviamente leggerò tutto il libro con maggiore calma ma intanto voglio manifestarle la mia ammirazione per lo stile, l’approfondimento e la documentazione degli argomenti. Lei è certo consapevole che il suo libro rimarrà nella storia dell’umanità, vero? E ha fatto bene a pubblicarlo anche in forma cartacea, prima o poi tutti lo vorranno leggere, e verrà sicuramente tradotto in molte lingue. Il cambiamento che Rossi ci sta proponendo è più che epocale, è una “singolarità” come Kurzweil ha definito altre situazioni futuribili dell’evoluzione umana. Quando Neil Armstrong ha messo il primo piede sulla luna siamo rimasti attoniti davanti al televisore eppure, per quanto strepitosa fosse la missione, era un passo prevedibile nell’ ambito del processo scientifico e tecnologico del tempo. La scoperta di Rossi è stata invece imprevedibile, tanto che ancora oggi la maggioranza dell’ umanità non ne è consapevole o ancora non la crede possibile e cerca di rifiutarla. Sono molto contento di vivere questo momento è Lei avrà molto più tempo di me per apprezzarne i cambiamenti nel mondo. Nella prossima informativa che invierò agli amici quando sapremo qualcosa di più sull’E-CATx certamente consiglierò il suo libro. Brava!

(Prof. Neri Accornero, Università “La Sapienza”, Roma)

Se vuoi condividerlo...Share on Google+Tweet about this on TwitterShare on FacebookEmail this to someone